Benvenuti in Vallo Notizie 24

Vallo notizie 24 è il primo blog news che si occupa di notizie di attualità,approfondimenti e curiosità nel territorio del vallo di diano...

Puoi inviarci comunicati stampa, notizie locali ed eventuali approfondimenti al seguente indirizzo info@vallonotizieventiquattro.it Vallo Notizie 24 è un prodotto di proprietà targato Miludasite con Sede a Sala Consilina (SA) e Napoli (NA) - Italy - Note legali Partita IVA IT04676230651

28/04/17

Padula, hashish e cartine per sigarette trovate nei bagni di un liceo. Controlli dei carabinieri nelle aule scolastiche


I Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina, comandati dal Tenente Davide Acquaviva, con il supporto delle unità cinofile, hanno eseguito controlli preventivi all’interno di alcune scuole superiori, finalizzati a reprimere la diffusione di stupefacenti tra i giovani. In particolare, questa mattina, Attila, cane addestrato dal centro cinofili di Sarno, ha fiutato e fatto rinvenire ai Militari dell’Arma delle dosi di sostanza stupefacente del tipo hashish e delle cartine per sigarette all’interno dei bagni di un liceo di Padula che, sono state poste a sequestro “contro ignoti”. I controlli sono stati estesi anche alle aule scolastiche del liceo. L’autorità giudiziaria è stata informata sull’accaduto.-italia2tv-

Furto di computer e stampanti nel centro di aggregazione di Polla. Danni da migliaia di euro. Le accuse dell’associazione “Tempo&Memoria”


Hanno atteso il week end, quando il centro di aggregazione comunale sito in Via Madonna di Loreto 1 a Polla è praticamente vuoto, per forzare una porta di ingresso della struttura e fare incetta di computer, monitor e stampanti. E’ successo al centro di aggregazione comunale “Loreto Uno”. Sull’accaduto indagano i carabinieri. I fatti. Alle 9.45 di mercoledì mattina un operatore comunale si è recato nella struttura e subito dopo aver varcato la soglia d’ingresso ha notato che sia la porta principale e sia diverse ante di porte interne che si trovano al piano terra, erano aperte con evidenti segni di scasso. Si è avvicinato e ha notato che erano state forzate dall’esterno, guardandosi intorno ha notato che altre due porte erano spalancate. CLa chiamata al dirigente dell’ufficio tecnico è stata immediata. Pochi minuti dopo anche i carabinieri della stazione di Polla erano sul posto. Le attenzioni dei presenti si sono soffermate nel laboratorio di informatica. Qui, infatti, è stata fatta incetta di computer portatili, monitor e stampanti. I carabinieri del nucleo operativo hanno lavorato sino a metà mattinata per eseguire i rilievi di natura scientifica, vale a dire prelievo, dagli oggetti e dalle porte, delle impronte digitali, ma anche repertamento di vari oggetti lasciati sul posto. I ladri, sono entrati da una porta al piano terra chiusa a chiave, sono andati direttamente nella sala dove vi era l’apparecchiatura di videosorveglianza, dove hanno provveduto ad asportare tutto l’impianto. Poi hanno aperto la stanza dove erano stipati tutti gli apparecchi infornatici, asportandoli in toto. Lasciando solo una fotocopiatrice. Per lasciare l’edificio i ladri, hanno utilizzato l’uscita principale con un cancello sempre aperto. Il fatto che siano stati divelte solo le porte dove vi erano le apparecchiature di valore ha da subito fatto capire che si tratta di un furto non casuale, ma perfettamente architettato, e soprattutto da chi conosceva bene il centro. “Con profonda amarezza – hanno affermato Giuseppe Castelli e Vincenzo D’Amico dell’associazione onlus Tempo e Memoria – apprendiamo che durante le ultime festività, ossia il ponte del 25 aprile è avvenuto presso la sede del centro di aggregazione comunale un furto di computer e monitor. L’offesa alla nostra comunità è grave non solo per il valore materiale dei computer e dei monitor asportati, ma per il fatto che di sicuro ad effettuare tale furto di sicuro sono stati soggetti che frequentano o hanno frequentato la struttura. Noi, altri condomini del centro, non ci lasceremo fermare da questi episodi sgradevoli, che consideriamo solo degli incidenti di percorso. Continuiamo il nostro cammino associativo convinti che lavorando bene anche questi episodi in costante aumento, potrebbero ridursi.” Un episodio che però risulta essere annunciato. Da mesi noi abbiamo sollecitato i funzionari nonché gli assessori del nostro comune che presso questo centro di aggregazione i frequentanti erano di dubbia provenienza e soprattutto che le finalità non erano proprio quelle associative e culturali, ma nessuno purtroppo ci ha dato ascolto. Noi più volte abbiamo sorpreso giovani, anche minori, intenti a fumare, e a bivaccare nella struttura disturbando l’operato di altre associazioni presenti. Nessuno mai ha preso alcun provvedimento. Anzi quando il sindaco ha deciso, nel mese di Gennaio del 2016, dopo l’ennesima denuncia di chiudere il centro, in tanti si sono scagliati contro, anche scrittori locali che, con i loro scritti hanno fatto da palatini facendo passare come discriminante il gesto. Oggi dopo quanto accaduto sono, anzi siamo, perché è una opinione comune, che occorre fare pulizia e fare un censimento degli occupanti del centro poiché non è possibile vedere a tutte le ore del giorno e soprattutto della notte giovani entrare ed uscire indisturbati senza che nessuno addetto alla vigilanza si curi di ciò. Occorre censire le associazioni occupanti le varie stanze del centro, con le finalità e l’operato del percorso associativo e soprattutto censire le persone frequentanti, perché è solo in questo modo che si riuscirà a trovare referenti e responsabili, cosa che allo stato attuale risulta davvero impossibile. Ci sono stupore e rabbia per il furto avvenuto al centro sociale. Rabbia perché colpire un ambiente dove si fa del volontariato con delle evidenti e note difficoltà sembra particolarmente vigliacco; stupore perché il bottino non poteva essere che quello, visto che all’interno degli uffici, oltre a quei computer non c’erano oggetti di particolare valore economico, ma tutti fondamentali per le attività del centro. I ladri hanno agito nella notte, non sforzandosi particolarmente dato che il cancello delimitante la struttura è sempre aperto e le luci sempre accese. Una volta rotta la serratura della porta d’ingresso, i ladri si sono introdotti nei locali e con un fare mirato hanno aperto prima la stanza dove c’era l’impianto di videosorveglianza che registrava tramite le telecamere poste intorno alla struttura asportando tutta l’apparecchiatura così da rendere difficile la loro individuazione e successivamente con estrema calma hanno divelto la porta della stanza che conteneva l’apparecchiatura ed l’hanno asportata. Quindi solo gente che sapeva poteva fare ciò. Nessun altro ufficio è stato violato. La fortuna è che l’altra ala del centro è dotata di un altro impianto di videosorveglianza e di sistema di allarme autonomo. Non è possibile che se la prendano anche con una struttura dove si cerca di aiutare e fare del bene alla gente. Questi episodi tolgono la voglia di andare avanti nelle attività, ma noi non ci facciamo intimorire e scoraggiare”. Ora al vaglio le immagini delle telecamere di abitazioni vicine con la speranza di individuare i colpevoli.-italia2tv-

Furto di carciofi bianchi tra Auletta e Pertosa: ripulito un campo intero di 600 mammarelle


Sono oltre mille i carciofi bianchi rubati tra Auletta e Pertosa negli ultimi giorni. Tra tutti, il furto più eclatante è quello che ha visto rubare un campo intero di mammarelle, circa 600, ad un agricoltore del posto. Un danno oltre che economico, che ammonta a diverse centinaia di euro, che vede andare in fumo il lungo lavoro svolto dagli agricoltori nel corso dell’anno. La mammarella è una qualità di carciofo molto utilizzata in cucina che si presta a diversi tipi di preparazione e per questo molto richiesto. La sua bontà testimonia il successo della Festa del Carciofo Bianco in programma nel prossimo fine settimana, 28/29/30 Aprile 1 Maggio, ad Auletta che è giunta alla VIII edizione e quello della Sagra del Carciofo Bianco in programma a Pertosa dal il 5/6/7 Maggio giunta alla XXIII edizione. Due occasioni imperdibili per degustare piatti a base di carciofo bianco: una vera delizia per il palato.-italia2tv-

Il 25 aprile e il Teatro di Sala Consilina. Il sindaco: “Polemiche strumentali, mancavano le premesse per l’autorizzazione”


Diverse ore di confronto tra il sindaco Francesco Cavallone, i suoi assessori e consiglieri (Giordano, Lombardi, Gallo e Garofalo) con gli artisti di Sala Consilina, i rappresentanti dell’associazione “E20Positivi” e numerosi giovani del paese e non solo. Toni accesi, confronto forte e una speranza: poter organizzare un evento-concerto per il 2 giugno prossimo. L’incontro chiarificatore è nato in seguito alle polemica per la mancata concessione da parte dell’Amministrazione comunale agli artisti di Sala Consilina di organizzare un evento durante il 25 aprile per celebrare la Liberazione. La giunta comunale ha bocciato la richiesta per l’evento che sarebbe durata tutta la giornata e avrebbe occupato diverse aree e strutture di Sala Consilina con diverse motivazioni: su tutte la mancanza di garanzie sulla sicurezza e il poco tempo di preavviso dalla richiesta (arriva dopo il 10 aprile) e la possibilità di organizzare il tutto in modo ottimale. Il sindaco Cavallone ha parlato di polemiche strumentali e di impossibilità di poter autorizzare l’evento per una serie di motivi elencati nella delibera di giunta del 20 aprile. Evento che posi è tenuto a Sassano, nel teatro Totò. Cavallone non ha attaccato Tommaso Pellegrino, primo cittadino di Sassano (anche se non sembra si possa dire abbia gradito la mancata comunicazione del presidente del Parco) e ha sottolineato la differenza strutturale dei due teatri. “Per quello di Sala Consilina ci sono diversi parametri da rispettare e più tempi per organizzare”, ha detto Cavallone. Il tono è stato acceso e all’incontro-confronto hanno preso parte anche il consigliere di opposizione Tonino Santarsiese e l’ex consigliere Erminia Pinto. In alcuni momenti, nei confronti coi ragazzi e gli artisti (“capitanati” da Enzo d’Arco), gli amministratori hanno alzato i toni e vice versa. Forse nel caso degli amministratori dimenticando di avere di fronte giovani e cittadini di Sala Consilina che chiedevano spiegazione (tra l’altro in un incontro convocato dal sindaco stesso) e non consiglieri di opposizione in un’assemblea consiliare. In altri momenti – come nell’intervento del consigliere Elena Gallo – si sono tenuti toni più consoni all’incontro: “intendiamo organizzare un evento così a Sala e mai il Comune non ha voluto farlo. Ma le ragioni del no per sicurezza e altre situazioni logistiche – ha sottolineato la Gallo – hanno prevalso”. Gli artisti hanno puntato il dito contro la mancata volontà dell’amministrazione di sostenere l’iniziativa, da parte della squadra di Cavallone, invece, è stato sottolineata la mancata condivisione da parte dell’associazione che organizzava l’evento nella genesi dell’iniziativa.-italia2tv-