Benvenuti in Vallo Notizie 24

Vallo notizie 24 è il primo blog news che si occupa di notizie di attualità,approfondimenti e curiosità nel territorio del vallo di diano...

Puoi inviarci comunicati stampa, notizie locali ed eventuali approfondimenti al seguente indirizzo info@vallonotizieventiquattro.it Vallo Notizie 24 è un prodotto di proprietà targato Miludasite con Sede a Sala Consilina (SA) e Napoli (NA) - Italy - Note legali Partita IVA IT04676230651

01/12/16

Sala Consilina: azione legale del Comune verso 13 Comuni debitori di 150mila euro Avviata la procedura per recuperare le quote dei canoni di locazione del Centro per l'impiego


L’amministrazione comunale di Sala Consilina ha avviato il recupero attraverso decreti ingiuntivi, delle quote dei canoni di locazione per l’immobile occupato dal Centro per l’impiego di via Matteotti e non versati da 13 comuni. Ammonta a circa 150mila euro il buco nelle casse del Comune dovuto all’anticipo delle spese per il canone di locazione che ammonta a 20.904 euro annui. Il caso più eclatante è quello del Comune di Polla che deve versare nelle casse di Sala Consilina 53.682 euro, a seguire c’è Padula che invece ha contratto un debito 35.044 euro ed infine Teggiano che deve 16.186 euro. “Sono anni – ha dichiarato il primo cittadino di Sala Consilina Francesco Cavallone – che tentiamo in modo bonario di avere le somme che abbiamo anticipato, ma molti hanno fatto orecchie da mercante e altri hanno solo fatto promesse. Siamo ricorsi ai decreti ingiuntivi non solo per una questione di equilibri contabili, ma anche per correttezza nei confronti dei cittadini di Sala Consilina”. Questi sono i debiti degli altri comuni, tra parentesi la cifra dovuta: Auletta (3.684 Euro), Caggiano (4.297), Pertosa (1.055), Sanza (5.425), San Pietro al Tanagro (5.151), Buonabitacolo (6.000), Casalbuono (4.269), Montesano S.M. (9.203), Salvitelle (920), Atena Lucana (4.238). – Erminio Cioffi –ondAnews -

Carcere di Sala Consilina, 10 minuti al Consiglio di Stato. Spunta una “strana” ispezione del Ministero


Si è tenuta questa mattina l’udienza in Consiglio di Stato in merito al ricorso presentato dal Ministero della Giustizia dopo la sentenza del Tar Campania favorevole al Comune di Sala Consilina sulla vicenda carcere di Sala Consilina. Questa mattina in aula si è discusso se prorogare o meno la sospensiva di chiusura. Il Tar Campania aveva sostanzialmente sentenziato che la casa circondariale salese “deve riaprire”, accogliendo il ricorso del Comune di Sala Consilina. Il tribunale nella sentenza semplificando parlava di “bene del territorio, di diritto della giusta pena e di un servizio in meno da non togliere al comprensorio”. L’udienza di questa mattina è durata circa 10 minuti. “Strana” e perfino “paradossale” la scelta del Ministero di inviare lo scorso 19 novembre un’ispezione al carcere salese, ossia tra il primo e secondo grado di giudizio quando il carcere era chiuso.Secondo la difesa del Comune di Sala Consilina seguito dall’avvocato Demetrio Fenuccio “il carcere di Sala Consilina è stato chiuso anche se non era nel piano della chiusura delle case circondariali italiane, poiché serve al Tribunale di Lagonegro sprovvisto di un carcere nella sua circoscrizione”. L’avvocato Demetrio Fenuccio ha inoltre esposto una serie di casi relativi ad alcune carceri italiane ancora aperte nonostante carenze strutturali e numeriche maggiori rispetto al carcere di Sala Consilina. E’ il caso della casa circondariale di Empoli, alle porte di Firenze. Si attende ora la decisione del Consiglio di Stato in merito alla sospensiva ossia se continuare o meno a tenere chiuso il carcere di Sala Consilina e poi si terrà l’udienza per decidere nel merito. Presente a Roma per l’udienza al Consiglio di Stato il sindaco di Sala Consilina, Francesco Cavallone.-italia2tv-

30/11/16

Impianto di biometano a Sant’Arsenio: giovedì incontro tra i cittadini. Del Negro: “Abbiamo solo ceduto i lotti non autorizzato la costruzione”


Un incontro per discutere sulla possibilità che venga costruito un impianto di produzione di biometano in località Fosso del Mulino. E’ l’autoconvocazione di alcuni cittadini di Sant’Arsenio che il primo dicembre hanno indetto una assemblea nel teatro comunale di Sant’Arsenio a partire dalle 19.30. La questione dell’impianto di biometano è stata messa in evidenza negli ultimi giorni con la pubblicazione sull’albo pretorio del Comune di Sant’Arsenio della cessione di alcuni lotti a un’azienda di Polla (che vede come responsabile Marco Grandino) per la costruzione dell’impianto. Durante la conferenza di commiato dell’Amministrazione Coiro, l’ex assessore Del Negro ha voluto puntualizzare. “Al di là che la decisione era avvenuta già consiglio, la nostra delibera riguarda la mera cessione di lotti nell’area in questione. Non possiamo negare questa vendita se esistono lotti liberi. Ma questo non vuol dire che è stato approvato il progetto dell’impianto di biometano. Questo secondo step dell’eventuale progetto riguarda altre autorizzazioni e altri enti pubblici, non solo il Comune”. Opposizione e consiglieri “dissidenti” prima della sfiducia avevano invece attaccato la giunta che aveva approvato il tema. L’azienda invece ha parlato dicendo che l’eventuale impianto non avrebbe impatto con l’ambiente. I rifiuti organici stoccati non saranno bruciati e il biometano sarebbe prodotto dalla macerazione senza ossigeno degli stessi. Nell’incontro di giovedì primo dicembre si cercherà di comprendere cosa possa accadere in futuro.-italia2tv-

29/11/16

Sala Consilina: Tonino Spinelli entra ufficialmente nel Consiglio Comunale Deliberata la surroga della dimissionaria Erminia Pinto


Da ieri Tonino Spinelli ha preso ufficialmente il posto della dimissionaria Erminia Pinto tra i banchi dell’opposizione nel Consiglio Comunale di Sala Consilina. Tonino Spinelli è entrato in coniglio comunale in quanto primo dei non eletti nella lista Positivo Si Cambia alle elezioni amministrative del 2014. Ieri sera il parlamentino cittadino ha deliberato all’unanimità il provvedimento di surroga. Alla richiesta dell’assessore Vincenzo Garofalo di conoscere il motivo delle dimissioni di Erminia Pinto, il capogruppo di Positivo, Antonio Santarsiere, ha risposto che “Erminia Pinto continuerà a fare quello che ha sempre fatto anche se non sarà più seduta in consiglio comunale”. Il neo consigliere Spinelli dopo le parole di benvenuto del sindaco Francesco Cavallone ha auspicato di poter eguagliare il lavoro svolto da chi lo ha preceduto. “Questa è una tappa importante della mia vita. Inizio questo nuovo percorso fiducioso di essere accompagnato costantemente dagli amici di Positivo. Il mio primo pensiero va a mia moglie che ha creduto più di me nel progetto politico intrapreso e a mia figlia e ai miei genitori. Il mio grazie va a tutta la mia famiglia, a mio fratello e ad Erminia Pinto va la mia promessa di fare di tutto per eguagliare il suo spessore politico”. – Erminio Cioffi –ondanews